Spaccio Popolare Autogestito

SPA – SPACCIO POPOLARE AUTOGESTITO

SPA sta per Spaccio Popolare Autogestito: niente a che vedere con l’acronimo che rimanda alle società , alle multinazionali, simbolo di sviluppo capitalista che specula su ogni ambito della nostra vita e che noi vogliamo combattere anche partendo da ciò che mettiamo in tavola ogni giorno.

Lo SPA è composto da compagne e compagni che da qualche anno portano avanti un percorso pratico e di riflessione su come creare un terreno di lotta che si sviluppi attorno al nodo del cibo: il percorso che abbiamo intrapreso sappiamo non essere semplice anche perchè parlare di cibo significa parlare di produzione e commercializzazione, ma non solo.

Al cibo è infatti legato lo sfruttamento della terra, l’uso dei pesticidi per aumentarne la produzione (diciamo la chimica in generale) ma anche la movimentazione in mano ad una logistica legata ai dettami della Grande Distribuzione Organizzata (GDO) che impone prezzi bassi, e un lavoro ancora più pesante con gli appalti dati alle cooperative.

Per noi significa inoltre, ricordare che al cibo, in quanto bisogno primario, è legato il diritto alla salute e ad una alimentazione sana, perciò riteniamo che abbia un valore aggiunto la lotta politica contro il capitale che lo considera una merce con la quale fare profitto, e che debba invece riprendere il giusto posto e cioè fuori dalle logiche di mercato.

I produttori e le produttrici che fanno parte dello SPA condividono che sia necessario tornare ad una sostenibilità ambientale, biologica, lavorativa ed economica.

Con i loro prodotti che ci propongono, cerchiamo di mettere in relazione la città e la campagna con l’obiettivo comune di lottare e resistere insieme contro la catena di sfruttamento riconoscendo che ciò che ci lega è il modello di sviluppo capitalista dal quale dobbiamo staccarci. Così si potrà produrre cibo degno, cibo che sia di qualità, che abbia un adeguato apporto di nutrienti, che curi il nostro corpo e non lo faccia ammalare, che non affami i contadini e le contadine, non precarizzi il lavoro, rispettando i diritti dei lavoratori e delle lavoratrici e che sia pagato ad un prezzo equo, sia ai/alle produtt* che al consumo.    DUNQUE UN CIBO IL PIU’ POSSIBILE ETICO!

Crediamo che tutto questo sia una questione politica: vorremmo progettare insieme un percorso differente, più umano, dove le relazioni siano il punto di partenza per unire le lotte nei vari territori, per prendere coscienza che si può mangiare bene e sano anche a prezzi popolari ed accessibili a tutti e tutte.

Lo SPA vuole essere uno spazio di resistenza che possa promuovere percorsi sociali, politici, di solidarietà alle realtà contadine legate al territorio: quelle realtà rurali attente a mantenere la biodiversità e consce che le lotte per la difesa del proprio territorio dalle speculazioni sono solo un anello che le lega a tutte le altre per la difesa di un bene comune.

Insieme ci proponiamo di tessere relazioni con i /le consumat* che si vogliono mettere in discussione, chiedendo più consapevolezza su ciò che si mette in tavola, sulla qualità del cibo, ma anche su come sia stato prodotto. Un incontro di saperi che insieme a pratiche condivise possa far crescere la voglia di riappropriarsi e di lottare per una sovranità alimentare, per la creazione dal basso di reti in autogestione che mettano in “corto” la filiera della GDO.

Questo è il nostro obiettivo a lungo termine, la strada è ancora lunga ma la rivolta è anche nel piatto!

SPA – SPACCIO POPOLARE AUTOGESTITO                                                                                      c/o CSOA GABRIO                                                                                                                               via Millio, 42 – Torino                                                                                                                             dispensa.gabrio@autoproduzioni.net

 

It's only fair to share...Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on TumblrEmail this to someone