Archivi categoria: Palestra Popolare Dante Di Nanni

CENA DELLA PALESTRA POPOLARE DANTE DI NANNI – COSA SUCCEDE A SHATILA? Campi profughi palestinesi in Libano

prenotazioni super gradite al
3498474767

Menù

————————————————————————————-

A quarant’anni dal massacro tra diritto al ritorno, spazi e pratiche di resistenza.

 

Una congiunzione astrale punta ad unire la borgata San Paolo alla banlieu di Beirut: comun denominatore, oltre a solidarietà e complicità, è lo sport popolare. Continua la lettura di CENA DELLA PALESTRA POPOLARE DANTE DI NANNI – COSA SUCCEDE A SHATILA? Campi profughi palestinesi in Libano

☆ RIAPERTURA PARETE ARRAMPICATA PPDDN ☆

🍁 È Ottobre, la Palestra Popolare Dante Di Nanni ha dato una bella spolverata alle prese e nuovi blocchi sono all’ordine del giorno.
🔧 Noi però agli ordini ci ribelliamo e allora trapani e brugole sono a disposizione! Presa dopo presa continuiamo a costruire quello che non è solo lo spazio fisico rispetto alla parete, ma anche uno spazio politico. Competizione, performatività, machismo, sessismo: troppo spesso ci affacciamo a queste dinamiche nello sport commerciale.
❤️ Il nostro vuole essere invece uno spazio che si fa insieme, dal basso, accessibile, transfemminista, antirazzista e anticapitalista.
📅 Per questo Domenica 16 Ottobre riapriremo con una giornata libera, aperta a chi vuole affacciarsi all’arrampicata in uno spazio popolare e autogestito.

Continua la lettura di ☆ RIAPERTURA PARETE ARRAMPICATA PPDDN ☆

4 appuntamenti di AUTOFORMAZIONE – PALESTRA POPOLARE DANTE DI NANNI

La condivisione di conoscenze ed esperienze è fondamentale per la costruzione di una società il più orizzontale possibile ed il più libera dalle dinamiche monetarie.
4 appuntamenti tematici al CSOA Gabrio per insegnare, imparare e soprattutto essere liber* di fare tutte le domande e osservazioni che ci passano per la testa. Continua la lettura di 4 appuntamenti di AUTOFORMAZIONE – PALESTRA POPOLARE DANTE DI NANNI

Gira per la città, Dante Di Nanni!

Il nostro articolo per Machina di Derive e Approdi.

L’articolo originale qui

Dante Di Nanni è un simbolo della lotta contro il fascismo, a lui sono intitolati lapidi, strade, murales, canzoni, libri… e anche una palestra, la nostra, la Palestra Popolare Dante Di Nanni (PPDDN), all’interno del centro sociale Gabrio. Era inevitabile che uno spazio sociale occupato in Zona San Paolo a Torino scegliesse di continuare a raccontare la storia di Dante, e altrettanto inevitabile che un gruppo di compagnə impegnato nella costruzione di una palestra popolare decidesse di scegliere il suo nome come esempio di lotta e di assoluta coerenza con una scelta di vita. Nella PPDDN siamo un gruppo eterogeneo di persone, unite però dagli stessi valori: antifascismo, antisessismo e antirazzismo. Gli stessi valori che, crediamo, si possano incarnare oggi nella figura di Dante Di Nanni. Egli è infatti il simbolo intorno al quale, da quasi una dozzina di anni, si raggruppano persone per proporre un’idea di sport autogestito, che cresce «dal basso a sinistra» e «popolare» (nella sua interpretazione autentica di solidale e inclusivo), e un’idea di mondo con lo stesso orizzonte. Il suo nome rivive ogni volta che unə ragazzə entra nella PPDDN per provare a salire su un ring, su una parete per arrampicare o su un palo da pole dance e in tantə chiedono «chi era Dante Di Nanni?» Per noi Dante Di Nanni è il volto sulla bandiera della palestra, che ci accompagna in corteo. È il simbolo su un adesivo bianco e arancione, incollato ovunque a ricordarci che l’antifascismo percorre ancora le vie del mondo. È il nome che risuona in canzoni militanti, da cantare tuttə insieme a squarciagola.

Continua la lettura di Gira per la città, Dante Di Nanni!

27 volte GRAZIE

Sono state delle giornate intense e ancora facciamo fatica a renderci conto della bellezza che ha attraversato e ci ha attraversato in quest’ultima settimana. Continua la lettura di 27 volte GRAZIE

Bruttə, sporchə e ribellə sin dagli albori…

Oggi ci troviamo a dimostrare la nostra solidarietà al F.O.A. Boccaccio, sgomberato di recente. Lo stadio all’interno del quale si svolgevano le sue attività è stato definitivamente acquisito dalla sezione CAI di Monza per la realizzazione di una “Casa della montagna” con annesso ristorante e parcheggione per automobili. L’ennesima colata di cemento, insomma, per celebrare la natura nel bel mezzo della Brianza… Non sempre l’ente che sottrae spazio alla resistenza ha il volto della grande multinazionale riqualificatrice di quartiere, ma questo non ci stupisce.

Continua la lettura di Bruttə, sporchə e ribellə sin dagli albori…